• Sab. Ago 13th, 2022

Atlantis exists! Found by Dr. Luigi Usai

Atlantis is the Sardo Corso Graben Horst underwater continental block submerged by the Meltwater Pulses and destroyed by a subduction zone, Capital is Sulcis

Il ritrovamento della Capitale di Atlantide nel Sulcis in Sardegna

Diluigiusai

Lug 15, 2021
En enero de 2021, Luigi Usai (es decir, yo), un investigador independiente, lanzó una demostración según la cual Atlantis es el bloque geológico corso sardo sumergido bajo el Mediterráneo, y la capital de Atlantis es Sulcis en la actual Cerdeña: con un mapa satelital Es posible notar que el Sulcis está hecho para ranuras concéntricas, tal como se indica en el mito de la Atlántida. El hundimiento de Atlantis se debe al repentino derretimiento del hielo después de la glaciación llamada Würm y a varios choques tectónicos causados ​​por una falla que pasa justo debajo del Sulcis, bajo el fondo del Mediterráneo. Los científicos solo ahora están considerando esta hipótesis, después del informe de Luigi Usai. Los geólogos saben que el nivel del mar Mediterráneo alcanzó -120 metros por debajo del nivel actual hace unos 14.000 años. También se conoce la llamada "crisis de salinidad mesiniana", durante la cual Cerdeña y Córcega se unieron debido a la bajada del nivel del mar en más de cien metros, pudiendo recorrerse a pie. En ese momento, según Usai, Cerdeña y Córcega y gran parte de las costas actualmente sumergidas formaban lo que parecía ser una gran isla, que fue llamada en el tercer capítulo del Timeo y en Critias, por Platón, con el nombre de Atlantis. En el centro de la llanura atlante y la actual llanura del Campidano, estaría la que fue la capital de la Atlántida, también conocida como Atlántida, y que partía de una colina cerca del pequeño pueblo de Santadi, formando círculos concéntricos de tierra y mar. Todavía es posible notar cómo, a partir de Santadi, todo el plan urbano se desarrolla en círculos concéntricos, incluso en porciones de montañas. También hay una gran toponimia relacionada con el mito de la Atlántida. De hecho, como señala Usai, junto a Santadi hay muchas localidades cuyo nombre recuerda las fuentes de agua fría y caliente creadas por Poseidón, quien según Usai era un hombre sencillo, probablemente un Rey, y no un Dios. manantial termal y manantial de agua fría. De hecho, incluso hoy en día existen fracciones de pueblos llamados "Acquacadda" (Agua Caliente, en lengua sarda campidanese), S'acqua callenti de basciu (L'Agua debajo, en sardo campidanese) y S'Acqua Callenti de Susu (L Agua caliente arriba, también en dialecto sardo campidano, la variante dialectal de la lengua sarda que se habla en el sur de Cerdeña), mientras que en la cercana ciudad de Siliqua la fuente de agua fría de Zinnigas todavía está presente hoy. Aún en Siliqua, una pequeña ciudad también ubicada en la provincia de Cagliari, todavía se encuentra el "Castello d'Acquafredda", actualmente conocido por la famosa historia contada por Dante Alighieri sobre el Conde Ugolino, que vivió allí. Además, informa Usai, los tridentes de Poseidón fueron encontrados tallados en las rocas neolíticas y paleolíticas encontradas cerca de la ciudad de Laconi, en Cerdeña. Junto a Santadi hay un pueblo llamado Narcao, que tiene dos caseríos, llamados "Is Sais Superiore" e "Is Sais Inferiore"; esta es una clara referencia según Usai, a la ciudad de Sais en Egipto, en la que el sumo sacerdote Sonchis reveló la historia de la Atlántida a Solón, el famoso político griego. Además, los sacerdotes que según la tradición le enseñaron estos hechos históricos a Solón fueron Sonchis de Sais y otro sacerdote de Heliópolis: de hecho, Heliópolis en griego significa "ciudad del sol" y junto a Acquacadda hay una aldea llamada "Terresoli", que significa en sardo campidanes "Tierra del Sol" ("Terr'è Soli"), una clara referencia a Heliópolis. La toponimia es increíblemente vasta: de hecho, un análisis muestra que el término toponímico Sulcis es un locativo ablativo del latín "Sulcus, Sulci", que significa "El lugar de los surcos", es decir, el lugar donde Poseidón creó los surcos concéntricos de la capital de Atlantis partiendo del cerro donde vivía su esposa Clito, de quien tuvo cinco pares de gemelos, cuyo hijo mayor, Atlas, dará el nombre a la Isla de Atlantis. Por tanto, el término Sulcis, implícitamente, nos hace comprender que los romanos sabían que Sulcis era la capital de la Atlántida: si no, ¿por qué darle este nombre? Ha sido científicamente demostrado por el profesor Carlo Lugliè de la Universidad de Cagliari que al menos la cueva de Su Carroppu estuvo habitada alrededor del 9000 aC, es decir, precisamente en el período citado por Platón según el cual existió la Atlántida; aún no está claro si este ADN estudiado podría ser ADN atlante. El hundimiento de Sulcis ya ha sido demostrado por científicos en un famoso artículo científico, titulado: "Submarine Geomorphology of the Southwestern Sardinian Continental Shelf (Mediterranean Sea): Insights into the Last Glacial Maximum Sea-Level Changes and Related Environments" ("Geomorfología submarina de la plataforma continental del suroeste de Cerdeña (mar Mediterráneo): información sobre los últimos cambios máximos glaciales del nivel del mar y entornos relacionados"). El Atlantide Sardo Corso con capitel Sulcis, tras el hundimiento, nubló todas las aguas del Mediterráneo, por eso Platón dice que la navegación era imposible. Pero después de cientos de años, cuando las aguas se calmaron, se volvieron muy claras, que ahora son las aguas de Cerdeña. Córcega y Cerdeña son, por tanto, tierras altas de la Atlántida, ahora hundidas bajo el Mediterráneo y visibles mediante un mapa satelital. El gobierno italiano aún no ha respondido oficialmente al informe de Luigi Usai sobre el descubrimiento de la Atlántida.
Spread the love

Atlantide è il blocco Sardo Corso sommerso sotto il Mar Mediterraneo.
La capitale di Atlantide è il Sulcis: Sulcis è l’ablativo locativo di Sulcus Sulci, “il luogo con i solchi”, ossia i solchi che Poseidone ha tracciato a partire dalla collina dove viveva Clito, sua moglie, per fondare la capitale di Atlantide. Il fatto che abbia un nome significativo anche in latino lascia pensare che i Romani sapessero che era la capitale di Atlantide.
La pianura di Atlantide non è soltanto il Campidano, ma anche tutta la fascia costiera sommersa sul lato ovest dell’Isola, che prende il nome di”piattaforma continentale del blocco Sardo Corso”.

La faglia tettonica di Wadati-Benioff che ha distrutto Atlantide, aperto lo stretto di Gibilterra, distrutto Pompei ed Ercolano, trovata da Luigi Usai
La faglia tettonica di Wadati-Benioff che ha distrutto Atlantide, aperto lo stretto di Gibilterra, distrutto Pompei ed Ercolano, trovata da Luigi Usai

Come potete notare, dopo che viene detto una volta per tutte, Atlantide è un concetto semplicissimo, riassumibile in poche righe. Nulla di così speciale.

Io scrivente, Luigi Usai, ho scoperto Atlantide nel gennaio 2021 mentre facevo una tesina per l’Università di Cagliari. Ci ho messo circa 21 giorni. La parte più difficile non è stata scoprire Atlantide e la sua capitale, bensì segnalare la scoperta al resto del mondo. Infatti, dopo millenni di ricerca, sono pochi quelli che credevano che ancora fosse possibile localizzarla realmente. Ormai la maggior parte pensava che fosse solo una leggenda, un mito, un’invenzione senza reale fondamento.

atlantide esiste
atlantide esiste

Voi non dovete essere dispiaciuti per non aver localizzato l’isola e la sua capitale. Per trovare Atlantide era necessario conoscere almeno un pochino la storia, la lingua, le tradizioni e la cultura del blocco Sardo Corso. Attualmente però queste sono considerate sottoculture e lingue minoritarie. Era un compito quasi impossibile. Inoltre vi erano ambiguità geografiche, in quanto l’oceano atlantico (mare atlantico) andava tradotto con “oceano atlantideo” (mare atlantideo, ossia di Atlantis, ossia del Blocco Sardo Corso).
Quindi potete rasserenarvi, perché adesso che Atlantide è stata trovata, per tutti voi la strada è stata spianata, ora è tutta discesa. Adesso se per caso Atlantide vi interessasse ancora, ora che non ha più il fascino del mistero, potete direttamente approfondirla studiando il materiale che vi ho fornito, per poi passare ad una personalizzazione della ricerca. Purtroppo sono disordinato e le informazioni sono sparpagliate per mille siti sul web: non le potete trovare in un unico punto.

Aggiornamento: oggi è il 12 gennaio 2022. Sembra che io abbia scoperto degli artefatti in fondo al mare, sul fianco sinistro rispetto alla scarpata continentale Sicilia-Malta. Attualmente sembra che centinaia di persone abbiano colto il mio messaggio relativo a questa potenziale scoperta e mi diano credito. Strano, per un anno le mie precedenti affermazioni non hanno interessato praticamente nessuno.
Sembrano inoltre esserci artefatti nel banco sommerso detto di “Birsa Bank”, in linea d’aria, sulla cartina risulta trovarsi sommerso al largo di Lampedusa, celati tra i vari Bank nascosti sotto il Mar Mediterraneo, ad esempio al Birsa Bank (ma sono moltissimi i banks sommersi coinvolti), si trovano quelli che sembrano i resti di un’antichissima civiltà sommersa: forse una delle civiltà nominate nell’Odissea, chi lo sa?

“Fatti non foste a viver come bruti”…

Buona navigazione.

Sardo Corso Atlantis bathymetry
Sardo Corso Atlantis bathymetry

Nel gennaio 2021 Luigi Usai (cioè io), ricercatore indipendente, ha diffuso una dimostrazione secondo la quale Atlantide è il blocco geologico Sardo Corso sommerso sotto il Mediterraneo, e la capitale di Atlantide è il Sulcis nell’attuale Sardegna: con una mappa satellitare è possibile notare che il Sulcis è realizzato per solchi concentrici, proprio come affermato nel mito di Atlantide. L’affondamento di Atlantide è da addebitare al repentino scioglimento dei ghiacci a seguito della glaciazione chiamata Würm e a varie scosse tettoniche causate da una faglia che passa proprio sotto il Sulcis, sotto il fondo del Mediterraneo. Gli scienziati stanno prendendo in considerazione solo ora questa ipotesi, dopo la segnalazione di Luigi Usai.

Sardo Corso Atlantis bathymetry
Sardo Corso Atlantis bathymetry

Ai geologi è noto infatti che il livello del mar Mediterraneo ha raggiunto -120 metri sotto il livello attuale circa 14 000 anni fa. È altrettanto nota la cosiddetta “crisi della salinità del Messiniano”, durante la quale Sardegna e Corsica erano congiunte a causa dell’abbassamento di oltre cento metri del livello del mare, e le si poteva percorrere a piedi. In quel periodo, secondo Usai, Sardegna e Corsica e una grande parte delle coste attualmente sommerse formavano quella che appariva come una grossa isola, che era chiamata nel terzo capitolo del Timeo e nel Crizia, da Platone, col nome di Atlantide. Al centro della pianura Atlantidea e dell’attuale Pianura del Campidano, ci sarebbe quella che era la capitale di Atlantide, nota anch’essa col nome di Atlantide, e che partiva da una collina nei pressi del piccolo paesino di Santadi, formando cerchi concentrici di terra e di mare.

concentric circles of atlantis capital, Sulcis
concentric circles of atlantis capital, Sulcis

E’ tuttora possibile notare come, a partire da Santadi, tutto il piano urbanistico si sviluppi per cerchi concentrici, persino porzioni di montagne. E’ inoltre presente una vasta toponomastica relazionata al mito di Atlantide. Infatti, come fa notare Usai, accanto a Santadi esistono molte località il cui nome richiama le fonti d’acqua calda e fredda create da Poseidone, che secondo Usai era un semplice uomo, probabilmente un Re, e non un Dio. Poseidone, mise nella Capitale di Atlantide una sorgente d’acqua calda e una d’acqua fredda. Infatti ancora oggi esistono delle frazioni di paesi chiamate “Acquacadda” (Acqua Calda, in lingua sarda campidanese), S’acqua callenti de basciu (L’Acqua calda di sotto, in sardo campidanese) e S’Acqua Callenti de Susu (L’Acqua calda di sopra, anche questo in dialetto sardo campidanese, la variante dialettale della lingua sarda parlata nel meridione della Sardegna), mentre nel vicino paese di Siliqua è presente ancora oggi la fonte d’acqua fredda di Zinnigas. Sempre a Siliqua, piccolo paese anch’esso situato in provincia di Cagliari, esiste tuttora il “Castello d’Acquafredda”, attualmente noto per la celebre storia raccontata da Dante Alighieri relativa al Conte Ugolino, che ivi abitava.

Inoltre, segnala Usai, sono stati trovati i tridenti di Poseidone scolpiti nelle rocce neolitiche e paleolitiche trovate presso il paese di Laconi, in Sardegna. Accanto a Santadi c’è un paese chiamato Narcao, che ha due frazioni, dette “Is Sais Superiore” e “Is Sais Inferiore”; ciò è un chiaro riferimento secondo Usai, alla città di Sais in Egitto, nella quale il sommo sacerdote Sonchis rivelò la storia di Atlantide a Solone, il celebre politico greco. Inoltre, i sacerdoti che secondo la tradizione insegnarono questi fatti storici a Solone furono Sonchis di Sais ed un altro sacerdote di Heliopolis: infatti Heliopolis in greco significa “città del sole” e accanto ad Acquacadda esiste una frazione chiamata “Terresoli”, che significa in sardo campidanese “Terra del Sole” (“Terr’è Soli”), chiaro riferimento ad Heliopolis.

Sulcis, in nowaday Sardinia, is the Capital of Atlantis
Sulcis, in nowaday Sardinia, is the Capital of Atlantis

La toponomastica è incredibilmente più vasta: infatti ad una analisi emerge che il termine toponomastico Sulcis è un ablativo locativo del latino “Sulcus, Sulci”, che significa “Il luogo dei solchi”, ossia il luogo nel quale Poseidone realizzò i solchi concentrici della capitale di Atlantide a partire dalla collina nella quale abitava la moglie Clito, da cui ebbe cinque coppie di gemelli, il cui primogenito, Atlas, darà il nome all’Isola di Atlantide. Il termine Sulcis quindi, implicitamente, ci fa capiire che i Romani erano al corrente che il Sulcis era la capitale di Atlantide: altrimenti perché dargli questo nome?
E’ stato dimostrato scientificamente dal Professore Carlo Lugliè dell’Università di Cagliari che almeno la grotta Su Carroppu era abitata nel 9000 avanti Cristo circa, ossia proprio nel periodo citato da Platone secondo il quale esisteva Atlantide; non è ancora chiaro se questo Dna studiato possa essere Dna atlantideo. Lo sprofondamento del Sulcis è stato già dimostrato dagli scienziati in un famoso paper scientifico, intitolato: “Submarine Geomorphology of the Southwestern Sardinian Continental Shelf (Mediterranean Sea): Insights into the Last Glacial Maximum Sea-Level Changes and Related Environments”.
La Sardo Corso Atlantide con capitale Sulcis, dopo l’affondamento, ha intorbidito tutte le acque del Mediterraneo, per questo motivo Platone dice che era impossibile la navigazione. Ma dopo centinaia di anni, quando le acque si calmarono, divennero limpidissime, quali sono ora le acque della Sardegna.
Corsica e Sardegna sono quindi degli altopiani di Atlantide, ora affondata sotto il Mediterraneo e visibile usando una cartina satellitare.
Il Governo Italiano non ha ancora risposto ufficialmente alla segnalazione della scoperta di Atlantide da parte di Luigi Usai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.