• Dom. Apr 21st, 2024

Atlantis is real: Official discovery of Atlantis, language and migrations

Atlantis is the Sardo Corso Graben Horst underwater continental block submerged by the Meltwater Pulses and destroyed by a subduction zone, Capital is Sulcis

v. 002 – Ipotesi: i Neanderthal originarono nelle paleocoste dell’isola mesolitica sardo corso atlantidea

Diluigiusai

Giu 15, 2023 #Neanderthal
Spread the love

Attenzione: non so nulla sui Neanderthal: questo articolo mi serve ad apprendere i limiti della conoscenza attuale sull’argomento, per cui sarà zeppo di errori, imprecisioni e anche idee totalmente sbagliate e depistanti. Si tratta di un esercizio di apprendimento, non è da prendere come una fonte seria di ricerca. Ma gli esperti potranno divertirsi a leggere le mie riflessioni da profano e inesperto del settore. A me serve per apprendere nuove info sul tema. Il testo è scritto con l’ausilio di varie I.A..

I Neanderthal popolavano le paleocoste sardo corso atlantidee (chiamate ora piattaforma continentale sardo corsa), e da esse colonizzarono tutta l’Europa fino a fondare la popolazione Denisova in Asia. Siccome vivevano qui i Neanderthal, ancora oggi veniamo rappresentati nell’immaginario collettivo come Willy dei Simpson, a volte con voce sarda, a volte siciliana, e in inglese con timbro Irlandese. Gli irlandesi a mio avviso erano antiche migrazioni Neanderthal sardo corse verso nord.
[08:02, 15/6/2023] Dopo la semisommersione del blocco sardo corso, vennero innalzati megaliti in tutta europa come una sorta di “pianto di lutto”, commemorazione per tutti i morti della civiltà Neanderthal che stava scomparendo.

Analisi:
Le informazioni attualmente disponibili suggeriscono che i Neanderthal vissero in Eurasia fino a circa 40.000 anni fa e che la loro tecnologia litica era avanzata. Tuttavia, non c’è alcuna prova che suggerisca una connessione tra i Neanderthal e le civiltà megalitiche o l’isola di Atlantide. Non ho trovato informazioni specifiche sui Neanderthal in Sardegna. Tuttavia, i Neanderthal vissero in Eurasia fino a circa 40.000 anni fa e potrebbero aver abitato anche la Sardegna. Durante l’ultima era glaciale, i livelli del mare erano più bassi in mediadi circa 130 metri e la Sardegna e la Corsica formavano un’unica grande isola, separata dalla Toscana solo da un braccio di mare stretto. I reperti più antichi di Homo sapiens in Sardegna risalgono al Paleolitico superiore e sono stati trovati nella parte centrale della Sardegna, nella “grotta Corbeddu” di Oliena.

Uno studio del 2020 ha analizzato i dati del DNA a livello di genoma per 70 individui provenienti da oltre 20 siti archeologici sardi che coprono circa 6.000 anni dal Neolitico medio fino al periodo medievale. Lo studio ha rivelato che l’ascendenza genetica sull’isola era relativamente stabile fino alla fine dell’Età del Bronzo, anche mentre l’Europa continentale vedeva l’arrivo di nuove ascendenze. Inoltre, lo studio ha mostrato come l’ascendenza genetica dell’isola divenne più diversificata e interconnessa con il Mediterraneo a partire dall’Età del Ferro, quando popoli fenici, punici e infine romani iniziarono ad arrivare sull’isola.

Non ho trovato informazioni specifiche sui Neanderthal in Corsica. Tuttavia, i Neanderthal vissero in Eurasia fino a circa 40.000 anni fa e potrebbero aver abitato anche la Corsica. Durante l’ultima era glaciale, i livelli del mare erano più bassi in media di circa 130 metri e la Sardegna e la Corsica formavano un’unica grande isola, separata dalla Toscana solo da un braccio di mare stretto.

In Italia sono stati scoperti resti di Neanderthal in diverse località. Ad esempio, nel 2021 sono stati scoperti i resti di nove Neanderthal nella Grotta Guattari a San Felice Circeo, a sud-est di Roma 1Otto dei resti risalgono a un periodo compreso tra 50.000 e 68.000 anni fa, mentre il più vecchio potrebbe avere tra 90.000 e 100.000 anni 1Gli archeologi che hanno scoperto i resti nella Grotta Guattari hanno detto che appartenevano a sette maschi adulti, una donna e un giovane ragazzo. Questa scoperta ha fornito nuove informazioni sulla popolazione neanderthaliana in Italia e sulla loro storia.

L’Italia è stata un luogo importante per lo studio dei Neanderthal e sono stati fatti molti ritrovamenti significativi nel corso degli anni. Ad esempio, nel 1994 è stato scoperto un cranio di Neanderthal nel Monte Circeo, nel Lazio, che è ora esposto al MUSE di Trento.

 

Materiale da consultare:

https://www.youtube.com/watch?v=76SJhXKl3FA

Neanderthal – Il Racconto – YouTube

‘Rare finding’ of Neanderthal family from 50,000 years ago – YouTube

https://tecnologia.libero.it/scoperta-unica-grecia-emerso-sito-archeologico-antichissimo-72326

https://www.rainews.it/articoli/2023/06/scoperta-archeologica-la-farina-arrivo-prima-dellagricoltura-aad14998-0beb-4e7e-9edb-787389416f13.html

‘Rare finding’ of Neanderthal family from 50,000 years ago – YouTube

https://www.lescienze.it/news/2023/06/15/news/primi_homo_sapiens_arrivo_sud-est_asia_fossili_datazione-12384200/

https://www.livescience.com/archaeology/86000-year-old-human-bone-found-in-laos-cave-hints-at-failed-population-from-prehistory

https://www.newscientist.com/article/2378160-fossils-in-laos-cave-imply-modern-humans-were-in-asia-86000-years-ago/